Come spostare il Sistema operativo

da Hard Disk a SSD

© Copyright Programmifree.com.  E' vietata la copia anche parziale senza il consenso scritto dell'autore.

 

 

guida inserita: Novembre 2017

(Video  in fondo alla pagina )

Con questa guida vedremo come migrare il Sistema Operativo da HDD ad un'unità SSD.

Lo potremo fare in due modi: il primo, immediato, in caso l'Hard Disk e l'unità SSD siano connessi contemporaneamente al computer, mentre il secondo avrà bisogno di salvare i dati su un'unità  terza (per esempio un disco esterno USB) e sarà utile in caso fossimo costretti ad utilizzare solo un'unità alla volta (per esempio in un notebook).

PREPARAZIONE: E' ovvio che i dati scritti sull'HDD di partenza non possono essere maggiori della capienza dell'unità SSD.
Per questa ragione prima di cominciare è opportuno verificare che tutto sia a posto ed eventualmente salvare altrove i dati in eccesso (per esempio file di immagini, foto, video, musica).
E' utile eseguire la rimozione dei file inutili (alleggerendo il sistema) con un programma come CCleaner o Sistem Ninja o Wise Disk Cleaner.
Per vedere quali sono i file/cartelle che occupano più spazio ed eventualmente per prendere provvedimenti, suggerisco TreeSize free.

Soluzione n.1 (preferibile) (HDD e SSD sono collegati contemporaneamente al computer)

  1. Installiamo e avviamo Minitool Partition Wizard (versione free).

  2. Selezioniamo il Sistema Operativo di partenza, poi clicchiamo il bottone Migrate OS to SSD/HD, quindi scegliamo l'opzione B ( I would like to move my operating...). Poi Next.

     

  3. Dobbiamo scegliere l'unità di destinazione ( Select Destination Disk ), nel nostro caso caso l'unità SSD. Poi clicchiamo Next.

     

  4. Qui lasciamo le impostazioni predefinite senza toccare nulla (Fit partitions to entire Disk e Align partitions to 1 MB ) e clicchiamo Next. Quindi clicchiamo Finish.
     

  5. Basta cliccare Apply e inizierà la migrazione (il pc verrà riavviato e le operazioni continueranno in DOS, noi non dovremo fare nulla).

     

  6. Dopo parecchi minuti saremo tornati al nostro tradizionale sistema operativo. A questo punto basterà impostare dal BIOS del pc l'avvio dall'unità SSD (oppure utilizzare un programma come PLOP per fare la stessa cosa) e il computer si avvierà utilizzando la nostra nuova unità SSD.

 

Soluzione n.2 (alternativa) (quando possiamo connettere al pc solo un'unità alla volta)

  1. Backup del sistema
    Installiamo e avviamo AOMEI Backupper Standard (la versione free andrà benissimo)

  2. Clicchiamo BackupBackup del Sistema.

     

  3. Andiamo su Step2 per scegliere dove salvare l'immagine del sistema operativo (magari su un disco esterno USB o simili) e poi Avvia Backup.

     

  4. Nel giro di alcune decine di minuti avremo salvato l'immagine del nostro Sistema Operativo.
    Adesso vedremo di ripristinare questa immagine sull'unità SSD.

  5. Ripristino.
    Lanciamo AOMEI Backupper(anche da chiavetta USB o da CD, se necessario, per esempio se nel nostro notebook fosse presente solo l'unità SSD vuote) e poi Ripristina. Selezioniamo il Backup del Sistema che abbiamo salvato e poi Avanti.

     

  6. Ci verrà chiesto se fare un ripristino del sistema, rispondiamo di .

  7. Qui clicchiamo Ripristina, poi Backup Tutto, spuntiamo Ripristina il sistema in un'altra posizione e Avanti.

     

  8. Clicchiamo sull'unità sulla quale vogliamo ripristinare il sistema (nel nostro caso l'unità SSD) e Avanti.

     

  9. Spuntiamo Allineare la partizione (sperando che questa utilissima opzione rimanga gratuita anche nelle prossime versioni di AOMEI) e Inizia ripristino.

     

  10. Ci vorranno alcune decine di minuti e il sistema sarà pronto sulla nuova unità.
    Come scritto più in sopra, a questo punto basta impostare dal BIOS del pc l'avvio dall'unità SSD (o in alternativa utilizzare un programma come PLOP per fare la stessa cosa) e il computer si avvierà utilizzando la nuova unità SSD.

Come avete visto, migrare il Sistema Operativo è in entrambi i casi abbastanza semplice. Se potete metterli contemporaneamente sullo stesso computer il tutto è più veloce, ma con un po' di pazienza non ci saranno difficoltà nemmeno nel secondo caso.

E' anche disponibile un video che mostra come fare