Guida Virtualbox: installare altri sistemi operativi su Windows XP / Vista

© Copyright Programmifree.com.  E' vietata la copia anche parziale senza il consenso scritto dell'autore.

 

Ci sono dei casi in cui emulare altri sistemi operativi (o anche Windows stesso) dal proprio sistema operativo principale (per esempio Windows Xp o Windows Vista) può portare notevoli vantaggi: uno di questi può essere -per esempio- quello della sicurezza quando si naviga (un eventuale virus verrebbe preso dal sistema operativo virtuale e non da quello reale), o per provare nuovi programmi potenzialmente dannosi, o ancora per conoscere altri sistemi operativi diversi dal nostro. Gli scopi dell'emulazione/virtualizzazione possono essere molteplici. (Cosa significa virtualizzazione)

In questo caso vedremo come installare Linux Ubuntu sul proprio Windows tramite VirtualBox, in modo da poter usare contemporaneamente i due sistemi operativi (e da non fare il minimo danno a nessuno dei due). Ho scelto Linux Ubuntu perché è un sistema operativo Open Source che si può utilizzare gratuitamente. Ciò non toglie che la guida sarebbe assolutamente identica se volessimo installare un'altra versione di Windows (a scopo di test; per esempio); soltanto occorre acquistare una nuova licenza dalla Microsoft per ogni versione di Windows che si va ad emulare (sarebbe meglio dire virtualizzare), ed essendo Programmifree.com dedicato in grandissima parte ai programmi free, cioé gratuiti, è facilmente comprensibile la scelta di un sistema operativo per la virtualizzazione che non richieda alcuna spesa.

Ci serviranno solo due programmi: VirtualBox (se lo desideriamo in versione portabile) e Linux Ubuntu. Quando scaricate Ubuntu, vi suggerisco (qualora vi si presentassero più scelte) di prendere la versione da circa 700 MB in formato ISO (è la versione che di solito ci viene fatta scaricare in maniera predefinita). Questo per evitare la versione da oltre 4 GB (DVD), che -oltre ad essere più lenta da scaricare e ad occupare più spazio sul disco rigido- va molto oltre lo scopo della nostra guida.

  1. Installare VirtualBox e lanciarlo.

  2. Cliccare Nuova (o NEW se abbiamo la versione inglese) per aprire il Wizard per una nuova macchina virtuale. Poi Avanti (Next), e digitate un nome qualsiasi per la macchina virtuale ("Ubuntu" va benissimo) e scegliere, sotto OS Type, Linux 2.6 (probabilmente funzionerebbe comunque, qualunque cosa sceglieste). Cliccate ancora Next e decidete il quantitativo di RAM da assegnare alla macchina virtuale (dipende da quanta RAM avete libera; 256 MB da assegnare andrebbero benissimo). Cliccate ancora Avanti (Next).

  3. Scegliamo quanta memoria da assegnare alla macchina virtuale (dipende da quanta memoria abbiamo libera nel sistema operativo).

  4. Adesso siamo nella schermata del Virtual Hard Disk: occorre creare lo spazio per l'installazione del nostro nuovo sistema. Cliccate Nuovo (NEW), poi Avanti (Next), e avrete una schermata simile a questa:



    Archiviazione a espansione dinamica (Dynamic Expanding Image) significa che l'installazione prenderà il minor spazio possibile, tuttavia l'immagine si andrà ad espandere con il tempo (è preferibile se al momento avete poco spazio dell'Hard Disk, ma vi andrà ad aumentare la frammentazione).
    Archiviazione a dimensione fissa (Fixed-size image) vi prenderà immediatamente tutto lo spazio richiesto (preferibile se avete molto spazio libero sul disco rigido).
    Scegliete una delle due opzioni e cliccate Avanti (Next). Nella schermata successiva scegliete lo spazio che volete dedicare al sistema operativo virtuale (2-3 GB vanno benissimo per la nostra Ubuntu); cliccate di nuovo Avanti (Next) e poi Fine (Finish).

  5. A questo punto saremo tornati alla schermata del Virtual Hard Disk. Qui clicchiamo di nuovo Avanti (Next) e Fine (Finish).

  6. Fino a qui è stato tutto facile, come del resto sarà facile quello che segue. Se avete fatto tutto bene, apparirà una schermata simile a quella qui sotto:

     

  7. Cliccate Impostazioni (Settings) per modificare i parametri della nostra installazione virtuale, e poi CD/DVD Rom.

  8. Adesso la soluzione più semplice è far caricare direttamente a VirtualBox la nostra immagine ISO di Ubuntu. Selezionate Monta lettore CD/DVD (Mount CD/DVD Drive), e File Immagine ISO (ISO Image File), andando a scegliere il percorso in cui abbiamo salvato l'immagine ISO di Ubuntu. (Alternativa: potreste anche montare l'immagine ISO in un'unità virtuale, per esempio con Alcohol o Daemon Tools, o masterizzare un CD vero e proprio. Entrambe le scelte vanno bene, ma quella che ho suggerito è la più veloce per i nostri scopi).


     

  9. Cliccate OK, e poi, tornati nella schermata principale, Avvia (Start). Si avvierà Ubuntu.

  10. Lasciare che si avvii il tutto, e, quando richiesto, selezionare start or install Ubuntu.

  11. Dopo qualche minuto dovrebbe apparire una schermata come questa qui sotto. Dovete semplicemente fare un doppio clic su Install.


     

  12. Partirà l'installazione di Ubuntu, durante la quale non ci saranno particolari difficoltà. Una volta scelta la lingua italiana, l'installazione è del tipo Avanti-> Avanti-> Avanti, ecc. Dovete solo decidere un nome e una password di accesso (è obbligatorio) quando vi sarà richiesto, che utilizzerete successivamente per avviare il sistema operativo.

  13. Finita l'installazione, cliccate sul simbolo di spegnimento di Ubuntu e spegnete (Shut Down) la partizione virtuale (dopo qualche secondo potrebbe chiedervi di premere il tasto Enter, cioé Invio per spegnere definitivamente; voi eseguite). Torniamo a Virtual Box in Settings->CD/DVD Rom e questa volta possamo deselezionare Mount CD/DVD Drive (oppure selezionare Host CD/DVD Drive, in modo da selezionare un'unità fisica). L'importante è che ISO Image File sia adesso deselezionato, altrimenti VirtualBox avvierà sempre dall'immagine ISO, e non è assolutamente quello che vogliamo.

  14. Abbiamo terminato. Più semplice del previsto. Adesso potete utilizzare tutti i programmi di Ubuntu, a partire da Firefox (navigando su internet a piacimento) oppure Open Office, o tutti gli altri. Se volete utilizzare altri programmi rispetto a quelli preinstallati (per esempio VLC, ecc., purché esistano per Ubuntu), dovrete semplicemente cercarli dai Repository (cliccando sul menu System->Administration->Synaptic Package Manager).

IMPORTANTE: per uscire con il mouse dalla finestra di VirtualBox, occorre premere dalla tastiera il tasto Ctrl di destra.

Come avete visto è una guida assolutamente immediata: non c'è da pensare, non c'è da prendere decisioni, non c'è da fare niente. Solo qualche clic per installare il tutto, e un po' di tempo per aspettare che l'installazione sia conclusa.

L'utilità di questi programmi di virtualizzazione è il poter far girare un altro sistema operativo in contemporanea con il nostro sistema principale, lo ripeto ancora: navigando con un sistema virtualizzato è difficile prendere virus o malware o spyware o altra spazzatura, perché qualunque cosa va ad infettare il sistema virtualizzato, che si può facilmente reinstallare, e non quello principale.

 Inoltre permette di imparare ad utilizzare altri sistemi operativi senza che si debba interrompere quello che si fa solitamente con il pc (perché il sistema operativo principale resta sempre bene in funzione).